Il 90% delle persone che prenota alberghi online utilizza le recensioni per decidere se acquistare o meno un soggiorno. Pur sapendo che non sono sempre attendibili, i clienti degli alberghi controllano approfonditamente i commenti lasciati dagli ospiti che hanno soggiornato nelle strutture prima di loro: se la community online si esprime in maniera negativa su un albergo, è molto probabile che chi legge i commenti si orienterà su una struttura alternativa.
“La prima impressione è quella che conta”,   per alcuni può sembrare una frase insignificante ma è fondamentale,  i viaggiatori che si approcciano ad un hotel oggi giorno sono sempre più esigenti, specie per chi  viaggia  per lavoro, vacanze, ecc.. conoscere i punti  cardinali di una buona accoglienza  in un hotel vuol dire che metà del lavoro è fatto, un cliente che viene accolto in maniera professionale non farà altro che dare prestigio alla struttura e soprattutto agli addetti ai lavori. un approccio empatico che non farà altro che mettere il cliente a proprio agio e avere una sensazione positiva del posto che ha scelto per trascorre il proprio soggiorno.  Purtroppo ci troviamo spesso in strutture che sottovalutano questo aspetto fondamentale, sia per motivi di scarsa reperibilità di personale  con  adeguata formazione, sia per una questione di budget.  Chi viaggia è fondamentalmente   una persona che ha bisogno di assistenza, essere consigliato, seguito.  Un receptionist con le conoscenze di strategie di accoglienza in un hotel, che affronta l’approccio con l’ospite in modo empatico renderà tutto più facile per il cliente ma soprattutto per la struttura che lo ospita.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

 

Lo dice il portale di prenotazioni hotel.info, secondo il quale il 70% di chi prenota online legge fino a 20 recensioni: se il tenore dei commenti è anche solo dubbioso, le possibilità che chi legge non prenoti arrivano al 35%. In genere, rileva hotel.info, il 70% degli alberghi prenotati online corrisponde alle recensioni pubblicate sul web e il 20% si rivela migliore di quanto i clienti l’abbiano descritto.

I dati provengono da un’analisi che hotel.info ha condotto sulle recensioni degli utenti apparse sul portale dal 2012 a oggi, con l’obiettivo di stimolare gli albergatori a recepirle per migliorare le strutture e i servizi degli alberghi. Ecco i 10 temi più ricorrenti delle recensioni negative.

  1. Costi aggiuntivi per accesso a internet, parcheggio, colazione (65,5% delle recensioni negative)
    2.Personale non disponibile (53,9%)
    3. Scelta della colazione a buffet (48,2%)
    4. Letto troppo scomodo (45,9%)
    5. Camera sporca (43,1%)
    6. Scortesia del personale (35,2%)
    7. Qualità della colazione (32,9%)
    8. Camera rumorosa (30,6%)
    9. Rapporto qualità-prezzo complessivo (29,9%)
    10. L’hotel non soddisfa le aspettative (26,2%)

Lascia un commento